O Prevet

So nato quand rint all’autobus e giuvan facevan assittá na vicchiarella o na signora incinta o a n’omm fatt!  E si a signora e copp, int ‘o purton, saglieva cu fatica a rariata, tu le currivi appriess e l’aiutavi; e quand nn’anz ‘a port a salutav, pe ricumpenza t’abbastav un “Grazie! Puozz aunná comm aonna …

Continue reading ‘O Prevet’ »

Invidia

Un giorno il Re arrivando a Castellammare in treno aveva bisogno di un calesse per raggiungere la Reggia di Quisisana. All’uscita della stazione però vi erano due calessi ed entrambi i cocchieri volevano avere l’onore di trasportare il Re. I due, tra cui già non correva buon sangue per motivi di lavoro, cominciarono a discutere …

Continue reading ‘Invidia’ »

O pate Raffaele Viviani

‘O pate è ‘o capo ‘e casa, ‘o ciucciariello, pecché tira ‘a carretta d’ ‘a famiglia. ‘E figlie, ‘a sera, ‘o fanno na quadriglia, n’applauso appena sona ‘o campaniello. Chi ‘a copp’ ‘a seggia ‘o vo’ tirà ‘o cappiello, chi ‘o leva ‘a giacca; e st’ommo se ‘ncuniglia, nun sape a chi vasa’, nu lassa …

Continue reading ‘O pate Raffaele Viviani’ »

Nu me trattà male

Ije; si nu juorno  viecchja e stanca, m’avvessa spurcà quanno magno, pecchè me tremmene ‘e mmane, tu nun me guardà stuorto, pienze quanti vvote te spurcave tu, pe te mparà a magnà piccerillo mbraccia me. Si ‘a vicchiaja; me fà dicere sempe e stessi ccose, tu suppuorteme nu me trattà male, pienze quanti ssere, t’aggio cantato …

Continue reading ‘Nu me trattà male’ »