O pate Raffaele Viviani

‘O pate è ‘o capo ‘e casa, ‘o ciucciariello,
pecché tira ‘a carretta d’ ‘a famiglia.
‘E figlie, ‘a sera, ‘o fanno na quadriglia,
n’applauso appena sona ‘o campaniello.

Chi ‘a copp’ ‘a seggia ‘o vo’ tirà ‘o cappiello,
chi ‘o leva ‘a giacca; e st’ommo se ‘ncuniglia,
nun sape a chi vasa’, nu lassa e piglia,
addeventa pur’isso guagliunciello.

E chesta scena priesto ‘o fa scurda’
ca tene ‘a maglia ‘a sotto ch’è spugnata.
— Guè, jatevenne, ca s’ha da cagna’.

Po’ tutte attuorno a’ tavula, ‘ncastiello.
E quanno ‘a caccavella è scummigliata,
appizza ‘e rrecchie pure ‘o cacciuttiello.

Raffaele Viviani

TRADUZIONE

Il padre è il capo di casa, il lavoratore,
perché porta avanti la famiglia.
I figli la sera gli fanno una festa,
un applauso appena suona il campanello.

Chi sopra la sedia gli vuole togliere il cappello,
chi gli toglie la giacca; e questo uomo si intimidisce,
non sa chi baciare, un prendi e lascia,
diventa pure lui un ragazzino.

E questa scena gli fa dimenticare presto,
che tiene la maglietta intima inzuppata.
-Andatevene, che si deve cambiare.

Poi tutti riuniti intorno alla tavola,
E quando si scopre la pentola,
è felice anche il cagnolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *