Nu me trattà male

Ije;
si nu juorno  viecchja e stanca,
m’avvessa spurcà quanno magno,
pecchè me tremmene ‘e mmane,
tu nun me guardà stuorto,
pienze quanti vvote te spurcave tu,
pe te mparà a magnà piccerillo mbraccia me.

Si ‘a vicchiaja;
me fà dicere sempe e stessi ccose,
tu suppuorteme nu me trattà male,
pienze quanti ssere,
t’aggio cantato a stessa ninnanna,
pe te fà addurmmì.

Si ‘e coscie me tremmano,
e nun c’a faccio a stà vicino a te a cammenà,
aspiettemi e nu sbuffà,
tu nun te scurddà,
ca ije t’aggio nmparato a cammenà,
senza maje sbuffà manco na vota.

Si mo parlo e sbaglio ‘e pparole,
tu nu ridere e me nu me fa sentere na scema,
ije pe te aggio accumminciato lettera pe lettera,
pe te mparà a parlà.

Si mo aggio bisogno e te pe m’appuià nu poco,
ncoppo a spalla pe m’arrupusà,
pienze quanti vvote t’aggio purtato mbbraccio.

E mo aiuteme sulo arrivà a fine e chesta vita,
arricurdete figliu mjo,
che tu si tutto ‘a vita mja,
e nun te scurddà maje e me,
pecchè ije,
aggio campato sulo pe te.

TRADUZIONE

Non trattarmi male

 Io;
se un giorno vecchia e stanca,
mi dovessi sporcare quando mangio,
perché mi tremano le mani,
tu non mi guardare in mal modo,
pensa quante volte ti sporcavi tu,
per insegnarti a mangiare da piccolo nelle mie braccia.

Se la vecchiaia
Mi fa dire sempre le stesse cose,
tu sopportami non trattarmi male,
pensa quante sere,
ti ho cantato la stessa ninna nanna,
per farti addormentare.

Se le gambe mi tremano,
e non ce la faccio a stare vicino a te a camminare,
aspettami e non sbuffare,
tu non ti dimenticare,
che io ti ho insegnato a camminare,
senza mai sbuffare una sola volta.

Se adesso parlo e sbaglio le parole,
ti non ridere di me non farmi sentire una scema,
io per te ho iniziato lettera per lettera,
per insegnarti a parlare.

Se adesso ho bisogno di te per appoggiarmi un po’,
sulla tua spalla per riposarmi,
pensa quante volte ti ho portato in braccio

E adesso aiutami solo ad arrivare alla fine di questa vita,
ricordati figlio mio,
che tu sei tutta la mia vita,
e non dimenticarti mai di me,
perché io,
ho vissuto solo per te.

                         

Please follow and like us:

2 commenti

  1. È un peccato che tu non abbia un pulsante per fare una donazione! Farei sicuramente una donazione a
    questo blog geniale!
    Suppongo che per ora mi accontento di segnalibri e
    aggiungendo il tuo feed RSS al mio account Google.
    Non vedo l’ora di nuovi aggiornamenti e condividerò questo sito con
    il mio gruppo Facebook. Chatta presto!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *