Preghiera di una donna in cucina

Signore, padrone delle pentole, dei piatti e delle casseruole fra cui passo la mia giornata, io non posso essere la santa che medita seduta ai piedi del Maestro e che ricama per Lui, con mani bianche una candida veste di broccato. Bisogna che io diventi, una santa qui, in cucina. Perciò fai in modo ch’io …

Continue reading ‘Preghiera di una donna in cucina’ »

La bellezza della donna

Un bambino chiese a sua madre: “Perché piangi?”  “Perché sono una donna”, ella rispose. “Non riesco a capire”, ribatté il bimbo. Sua madre gli fece un po’ di coccole, dicendogli “E non riuscirai mai a capire…”  Più tardi il piccolo chiese a suo padre:“Perché la mamma piange senza una ragione?” “Tutte le donne piangono senza una ragione”,fu tutto …

Continue reading ‘La bellezza della donna’ »

Chi sei?

Una donna in coma stava morendo. Ebbe d’un tratto la sensazione di essere trasportata in paradiso, di fronte al trono del gran Giudizio. Aspettava tremante l’esito, quando udì una voce:«Vorresti entrare nel paradiso?» «Certo, Signore» rispose con timore. «Allora dimmi chi sei?» le chiese la Voce. «Sono Lucia». «Non ti ho chiesto come ti chiami, …

Continue reading ‘Chi sei?’ »

La Miseria e la Misericordia

In un villaggio di pescatori in cui gli uomini si allon­tanavano da casa per lunghi periodi sulle loro barche vigeva una legge antica molto severa. L’adulterio veni­va punito con la morte. La moglie che, durante l’as­senza, fosse stata sorpresa a tradire il marito doveva essere gettata in mare dall’alto della scogliera con le mani e …

Continue reading ‘La Miseria e la Misericordia’ »

Chiara Corbello Petrillo: la seconda Gianna Beretta Molla

La straordinaria storia della giovane morta a 28 anni per aver rimandato le cure del tumore per portare a termine la gravidanza.  E’ una storia di santità dei nostri giorni che deve essere diffusa e fatta conoscere. A volte Dio come un buon giardiniere scende nel suo orto per controllare i fiori che ha piantato …

Continue reading ‘Chiara Corbello Petrillo: la seconda Gianna Beretta Molla’ »