O pate di Nino D’Angelo

O pate è ‘o pate
nun se po lamentà maje cu nisciuno
adda fà sempe ‘o forte, adda fà ‘o pate
è capo, ma nun sape cumannà.

O pate è ‘o pate
sempe annascuso, nun se vede maje
ma sape tutto chello ca succede
e quanno vò se sape fà sentì
e c”a fatica ‘nfaccia e dint’ all’ossa
va cammenanno cu ‘e penziere appriesso
se cresce ‘e figli dint”o portafoglio
sempe cchiù chino ‘e ‘sti fotografie
nisciuno ‘o sente quanno parla sulo
e se fa viecchio sestimanno e guaje
e si ‘o faje male s’astipa ‘o dolore areto a nu sorriso
e se va a ‘ppendere dint’ ‘o scuro
a ‘na lacrema d’ ‘o core
ca ogni tanto ‘o fa cadè.

‘O pate è ‘o pate
nun se po’ rassignà si ‘o juorno è niro
pe’ forza adda truvà nu piezze ‘e sole
pe’ scarfà ‘a casa soja primma ‘e partì;

‘O pate è ‘o pate
‘o primmo amico ‘e quanno si criaturo
ca fore ‘a scola nun ‘o truove maje
ma sta tutte ‘e mumente addò staje tu,
‘o truove sempe cu ‘o piacere ‘n mane
si nun vuò niente te vo’ dà coccosa
e se sta zitto pe’ guardà ‘e parole
ca so’ carezze ca isso t’ ‘a ‘mparato,
acale l’uocchie quanno te saluta
e sott’ ‘e diente dice statt’accorto
e chella mano ca te tocca ‘a spalla
è ‘o coraggio ca tiene
e nun te miette cchiù paura,
pecchè saje ca nun si sulo
quanno ‘a vita è contro a te.

 ( Nino D’Angelo)

TRADUZIONE

Il padre è il padre

non si può lamentare mai con nessuno
deve fare sempre il forte, deve fare il padre
è capo ma non sa comandare

il padre è il padre

sempre nascosto, non si vede mai
ma sa tutto quello che succede
e quando vuole si sa far sentire
e con la fatica in faccia e dentro le ossa
va camminando con i pensieri appresso
si cresce i figli dentro il portafoglio
sempre più pieno di queste fotografie
nessuno lo sente quando parla da solo
e si fa vecchio sistemando i guai
e se gli fai male si conserva
il dolore dietro ad un sorriso
e se va ad appendere nell’oscurità
ad una lacrima del cuore
che ogni tanto lo fa cadere

il padre è il padre

non si può rassegnare se il giorno è nero
per forza deve trovare un pezzo di sole
per scaldare la sua casa prima di partire

il padre è il padre

il primo amico di quando sei bambino
che fuori la scuola non lo trovi mai
ma sta tutti i momenti dove stai tu
ti aspetta sempre con il piacere in mano
se non vuoi niente ti deve dare qualcosa
e se stai zitto per guardare le parole
che sono carezze che lui ti ha insegnato
abbassa gli occhi quando ti saluta
e sotto i denti dice stai attento
e quella mano che ti tocca la spalla
è il coraggio che hai
e non ti metti più paura
perché sai che non sei solo
quando la vita è contro di te.

Please follow and like us:

2 commenti

  1. Mi piace molto il tema/design del tuo blog. Ti capita mai di imbatterti in una rete?
    problemi di compatibilità del browser? Un paio del mio blog
    il pubblico si è lamentato del fatto che il mio sito non funziona correttamente in Explorer ma sembra fantastico in Opera.
    Hai qualche idea per aiutare a risolvere questo problema?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *