Vangelo del 15 ottobre 2018 Lc 11,29-32

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.
Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona». Lc 11,29-32

Riflessione…
“Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno”…E’ come se fossimo annoiati del quotidiano, come se avessimo sempre bisogno di gesti eclatanti, di manifestazioni straordinarie, di miracoli strepitosi. Eppure Gesù è consapevole che il miracolo è ambiguo, che possiamo credere al miracolo senza riconoscere chi lo compie e cercare Dio per ciò che opera, non per ciò che egli è davvero. Il miracolo può essere una scorciatoia, un’emozione che – una volta passata – ci lascia intatti nella nostra indifferenza. Attenti, a non correre dietro ai presunti miracoli, ma a riconoscere l’unico grande segno che il Cristo ci ha lasciato: il segno di Giona. Giona profeta, venne inghiottito da un pesce in mare aperto e poi ributtato sulla terra per compiere la sua missione secondo la parabola che lo descrive. Così Gesù resterà per tre giorni nel ventre della morte prima di ritornare in vita. La resurrezione è il grande segno da riconoscere, la grande novità della fede.
Sappiamo riconoscere – noi i discepoli – i tanti segni della presenza del Maestro durante questa giornata; che non ci accada di abituarci a Dio, di essere inghiottiti dalla quotidianità. Restiamo desti, col cuore spalancato ai tanti piccoli segni attraverso cui il Signore, certamente, oggi ci raggiungerà: magari una telefonata, una scena sulla metro, un raggio di sole che ci raggiunge in casa, questa Parola che state ascoltando… Lo stupore che ha convertito gli abitanti di Ninive alla predicazione di Giona, la curiosità della regina di Saba che si mise in cammino per incontrare il re d’Israele la cui sapienza era diventata leggendaria: questo l’atteggiamento che oggi ci è chiesto.
Ben più di Giona c’è qui, ben più di Salomone: la presenza del Signore Gesù stesso ci accompagnerà in questa giornata in cui siamo invitati al banchetto di nozze di Dio.
Signore, Maestro, donaci oggi di riconoscere i segni della tua presenza in ciò che faremo, nelle persone che incontreremo, e di stupirci, ancora e sempre, della tua amicizia, perché ben più di Giona c’è qui, ben più di Salomone: il Figlio di Dio incarnato, amico degli uomini che vive con noi nei secoli dei secoli.

 Don Salvatore

Please follow and like us:

2 commenti

  1. Ciao, sono davvero contento di aver trovato queste informazioni. Oggi i blogger pubblicano solo pettegolezzi e roba su Internet e questo è davvero fastidioso. Un buon sito web con contenuti interessanti, questo è ciò di cui ho bisogno. Grazie per aver creato questo sito web e visiterò di nuovo. Fai newsletter via e-mail? Constanta Winifield Papotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *