Vangelo del 4 ottobre Mt 11,25-30

In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero». Mt 11,25-30

Riflessione…

È di straordinaria bellezza iniziare questa giornata in compagnia di Francesco. Francesco uno dei santi più amati nella storia del cristianesimo: nella sua breve e intensa vita tutti è l’uomo che ha saputo aprirsi completamente all’azione delle Spirito. Francesco e il suo folle amore per Dio, raggiunto dopo le delusioni dolorose della gloria e l’orrore sempre attuale della guerra. Francesco che desidera solo scomparire nel suo amato Dio e diventa spogliazione, piccolezza, armonia. Francesco profeta che sostituisce il dialogo alla violenza delle Crociate, che commuove i pastori “inventando” il presepe che – alla fine – primo fra i discepoli, riceve il sigillo delle stigmate, segno del dono totale di sé. Francesco dell’armonia ritrovata tra cosmo e umanità, che sgrida il lupo e canta insieme ai passeri la gloria di Dio. A leggere la sua vita, davvero tutto sembra straordinariamente semplice, davvero tutto diventa possibile, anche scoppiare di gioia e vedere la propria vita diventare leggera. Frate Francesco insegni agli italiani, di cui è patrono, che la civiltà e il benessere si fondano anzitutto sulla scoperta del proprio disegno, sullo stupore del proprio destino d’amore, ci insegni la povertà del cuore contro l’arroganza del potere, il rispetto del creato contro il delirio di onnipotenza, la via del cuore contro i pensieri tortuosi e truculenti. Tutto allora diventerà semplice: vivere e amare e anche soffrire.
Noi guardiamo frate Francesco, Signore Dio, che ha rallegrato il tuo cuore per il suo amore semplice e leggero, ed insieme al Signore Gesù, anche noi ti benediciamo o Padre, perché hai tenuto nascoste le cose del Regno a chi si sente troppo furbo, e le hai rivelate ai piccoli e ai poveri.

Don Salvatore
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.