Il pescatore e le stelle di mare

Al tramonto, un signore passeggiava lungo una spiaggia deserta. Poco a poco cominciò a distinguere il profilo di una persona, lontana. Arrivato più vicino notò che l’uomo, un pescatore del luogo, si piegava in continuazione per raccogliere qualcosa che poi gettava in acqua. Instancabilmente lanciava nel mare ciò che raccoglieva, a piene braccia. Avvicinandosi ancora di più, il signore capì che il pescatore stava raccogliendo le stelle di mare che la marca depositava sulla spiaggia; una per una le rigettava in acqua. Un po’ impacciato si avvicinò e chiese al pescatore: «Amico, posso sapere cosa stai facendo?». L’altro rispose: «Rigetto queste stelle nell’oceano. A causa della bassa marea si sono arenate sulla spiaggia. Se non le gettassi in acqua, in poco tempo queste povere creature morirebbero!». 

«Capisco! – replicò il signore – Ma le stelle arenate sulla spiaggia saranno migliaia. Non potrai pretendere di salvarle tutte! E, probabilmente, lo stesso fenomeno si starà producendo su centinaia di spiagge lungo la costa. Non ti accorgi che la tua opera risulta praticamente inutile? Non cambierai nulla!».
Il pescatore sorrise, si chinò, raccolse un’altra stella, la gettò in mare e disse:
«Cambierà tutto, per questa piccola creatura!».

Un gesto d’autentico amore non è mai inutile.
Soprattutto se diventa prezioso per qualcuno
e, magari, fa nascere ulteriori gesti d’amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *