Non abbiamo spaventato Dio

Sì: non abbiamo spaventato Dio.
Nonostante le nostre guerre, le nostre urla,
i nostri schiamazzi inutili non abbiamo spaventato Dio.
Nonostante gli sprechi, gli scandali
e la tecnocrazia non abbiamo spaventato Dio.
Nonostante la fame, l’ignoranza,
l’inadeguatezza della nostra povera umanità
non abbiamo spaventato Dio.
Ma ne sei sicuro?
Sì: nonostante l’uomo si sia abituato a tutto,
perfino a se stesso, non abbiamo spaventato Dio.
Ancora una volta si apre la notte del tempo,
ancora una volta Lui non rinuncia a farsi piccolo,
a spezzarsi per poterci accompagnare, di nuovo,
su quei frantumati sentieri che abbiamo minato,
su cui ci smarriamo, su quei sentieri che in salita,
a fatica, percorriamo.
Grazie, Signore,
per essere quella unità che tanto ci manca, anche quest’anno.
Con tutto il cuore, che la carezza dell’eterno sorrida al tuo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *