Io ringrazio il Signore di essere nato così

Sono un ragazzo 32enne e dall’età di 17 anni mi  sono scoperto affetto da sindrome di Kleinefelter.
Questa malattia GENETICA comporta in primo luogo la sterilità maschile al 100%  senza possibilità di cure risolutive medico-scientifiche (escluso il MIRACOLO del Signore).  La bibliografia medica dice anche che nel 50% dei casi delle persone affette da tale sindrome  vi sono casi di GRAVE RITARDO MENTALE.  Io ringrazio il Signore di ESSERE NATO COSI’ nel lontano 1973 quando nessuno sapeva dire se saresti nato maschio o femmina, bello o brutto, sano o “handicappato”…  Già… Perché oggi chiamiamo “handicappati” chi ha malformazioni fisiche evidenti…  E se 32 anni fa i miei genitori (veri CRISTIANI tutti di un pezzo)  avessero potuto sapere prima che io non li avrei mai potuti render nonni per via fisiologico-naturale  oppure che avrei potuto essere RITARDATO mentale…  Che avrebbero fatto? Mi avrebbero accettato così come accettarono il mio stato quando si scoperse la sindrome!! ED OGGI? Quali e quanti genitori CRISTIANI (o sedicenti tali, visto che va di moda credere in Dio…Ma… QUALE DIO? Il Dio vero o quello che ci creiamo noi per sostituirci a Lui??) OGGI come OGGI accetterebbero un figlio così? Che pure ha messo a frutto i numerosi “talenti” donatigli da Dio…?  Oggi come oggi sembra che basti vedere che qualcosa non va e il figlio SI BUTTA VIA come una bambola di pezza!
CHE STRAZIO E CHE DOLORE!! Se presto mi sposerò ed ADOTTERO’ UN FIGLIO/A nonostante le gravi difficoltà a cui potremmo andare incontro  vorrei adottare un figlio DIVERSO per i “benpensanti scristianizzati ed egoisti odierni – inclusi anche alcuni Ministri di Dio (?!)” che potrebbe anche essere gravemente handicappato! Ma che per noi sarebbe UNICO e INDIVISIBILE segno dell’Amore di Dio per l’umanità! E  Voi – mi rivolgo a Voi chiunque Voi siate che potreste leggere questo scritto – che fareste? Se Voi foste nati con un qualsiasi piccolo problema fisico o mentale REALE o solo APPARENTE…  Vi piacerebbe essere DISTRUTTI fin dalle prime cellule  o UTILIZZATI come “pezzo di ricambio” di qualcun altro?  Così come si cambiavano i pezzi delle bambole o simili?

PENSATECI UN PO’…

Come fate a dire, come fa la Scienzaa dire che nei primi istanti del concepimento non si provano sensazioni? Dico SENSAZIONI perché in tale parola si raggruppano tanti sentimenti, anche il DOLORE! Ho visto mio padre morire di cancro 15 giorni fa…I medici dicevano che non poteva provare dolore (anestetizzato com’era…) eppure LUI dolore lo provava (E NON SI E’ MAI LAMENTATO DINULLA, ANZI COME IL PAPA WOITILA HA OFFERTO LE SUE SOFFERENZE PER LE FAMIGLIE DEL MONDO…)! Non aveva più facoltà di parola  ma lo sguardo era VIVO e PRESENTE! La Suaultima parola intelligibile fu il Nome della Madonna! E noi pregavamo ininterrottamente al Suo capezzale d’un letto d’ospedale! E Lui – pur non potendo parlare – ci seguiva con lo sguardo… Ed allora: un FETO che noi non possiamo vedere ma che la MAMMA”SENTE” dentro di se’ che potrebbe dire?  “Occhio non vede cuore non duole” recita un vecchio adagio… MA CHE STRAZIO SE IO FOSSI UN FETO E QUALCUNO DALL’ALTRA PARTE NEL “MONDO VISIBILE” VOLESSE DISTRUGGERMI TORTURANDOMI
(TANTO NESSUNO VEDE)  SOLO PERCHE’ C’E’ QUALCOSA CHE NON VA…
Fino a quando il Signore sopporterà il delirio d’onnipotenza di questa strana umanità?  Mettetevi al posto del feto  così come Voi ora siete: con tutti i problemi, le limitatezze umane ed i segreti più inconfessabili che ognuno porta dentro al proprio cuore… Come reagireste?  La risposta E’ DENTRO DI VOI  nella VOSTRA COSCIENZA!!

dott. Ing. M. C.
da www.genitoricattolici.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *