Decalogo dell’Amore

1. AMARE TUTTI:
Piccoli e grandi, uomini e donne, amici e nemici, di tutte le razze e
religioni, come ha fatto Gesù che è morto per tutti. Siamo tutti figli
dello stesso Padre e perciò tutti fratelli.

2. AMARE CIASCUNO PERSONALMENTE :
Gesù parlava alle folle, certo, ma conosceva ciascuno
e lo chiamava per nome. Accettare ognuno così com’è.

3. AMARE COME SE’ STESSI
è la regola d’oro: “Fa agli altri ciò che vuoi sia fatto a te”
e “Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te”.

4. AMARE PER PRIMI:
non aspettare che te lo chiedano, ma fa tu il primo passo,
come Gesù che non ha aspettato che diventassimo buoni
per dare la vita per noi; e come Maria che “partì in fretta”
senza farsi pregare per andare ad aiutare la cugina Elisabetta.

5. AMARE E’ FARSI “UNO” CON L’ALTRO:
cioè ascoltare, fare il vuoto dentro di sé per capire
i sentimenti dell’altro e farsi carico dei suoi problemi;
insomma condividere gioie e dolori.

6. AMARE E’ SERVIRE:
cioè amare a fatti non a parole, consumarsi le mani
facendo servizi concreti, come Gesù che lava i piedi agli apostoli.

7. AMARE E’ PERDONARE:
quante volte? “Settanta volte sette” ha detto Gesù, cioè sempre.
“Se non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro celeste perdonerà a voi”.
“Chi è senza peccato scagli per primo la pietra”.
“Il giudizio sarà senza misericordia per chi non ha avuto misericordia” .
“Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”.

8. AMARE E’ CHIEDERE SCUSA:
“Se presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che un tuo fratello
ha qualche cosa contro di te, lascia il tuo dono davanti all’altare
e và prima a riconciliarti con il tuo fratello, poi torna ad offrire il tuo dono”.
“Non tramonti il sole sopra la vostra ira”.

9. AMARE E’ VEDERE GESU’ NELL’ALTRO:
avevo fame, avevo sete, ero nudo, malato, senza casa, senza mezzi,
senza lavoro, incompreso, ignorato, immigrato, drogato…
“L’hai fatto a me”, dirà Gesù quel giorno.

10. AMARE E’ SACRIFICIO DI SE’:
amare non è sempre facile, non sempre è gratificante,
non sempre l’amore è capito e ricambiato.
L’amore vero non è un bel sentimento: è dono di sé,
è responsabilità verso l’altro, è fedeltà agli impegni,
è mantenere la parola anche se costa,
è non mollare quando sei stanco e sfiduciato,
è ricominciare sempre anche quando sembra inutile continuare ad amare.
Come Gesù che “avendo amato i suoi, li amò fino alla fine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *